top of page

COMUNE DI

CHIOGGIA (VE)

riflessioni

2010

Ente appaltante: Comune di Chioggia (VE)

Quinto Classificato

Progettista capogruppo:  Arch.Claudio Zanirato

Collaboratori: M.T.Guerra, M.Benevelli, M.Bertolani, A.Robetti, M.Contini

Dimensioni area: 216.000 mq, SNP 54.000 mq, parco 77.000 mq, parcheggi 20.000 mq

Sottomarina, Chioggia, Piano particolareggiato dei Ghezzi

Si propone di creare uno spazio verde in stretta relazione con il territorio, a partire dalla sua storia e dalle sue radici, in cui sia possibile ripercorrere in una sorta di “VIAGGIO SPAZIO-TEMPORALE” le trasformazioni che lo hanno segnato nel tempo, frutto del millenario rapporto tra l’uomo e queste terre. Ne deriva una sistemazione paesaggistica che riprende e reinterpreta gli assetti propri dei territori lagunari e vallivi, attuali e passati, puntando in primo luogo a valorizzare il rapporto con la laguna. Nel disegno del parco si individuano una serie di scenari caratteristici (6 PAESAGGI) in grado di raccontare la ricchezza ambientale del territorio, la sua diversità biologica, le sue vicende evolutive, alcune fra le tradizioni rurali e le attività dell’uomo che hanno nel tempo lo hanno segnato. La prevalente destinazione residenziale del Piano induce a pensare ad un assetto volumetrico in grado di riflettere la tradizione insediativa lagunare, nella quale la disposizione a pettine regolare e fitto, su un percorso urbano matrice, è molto marcata. Così gli edifici riassumano una densità riconoscibile, disponendosi per file parallele alla via Marina, saldandosi in aderenza ai caseggiati preesistenti già attestati, quando possibile, preservando sempre le vedute in profondità verso la laguna. Ma com’è avvenuto a Sottomarina ed a Chioggia, dove le calli raramente sono rettilinee e traguardano da parte a parte e si spezzano quasi sempre almeno in un punto del tragitto, lo stesso si propone con il nuovo insediamento, agendo sull’impianto iniziale regolare con un movimento diagonale che risente dell’andamento delle dune cui si sovrappone. Per ottenere un’elevata densità edilizia è possibile concepire l’edificato in un sistema di torri strettamente relazionate e distanziate tra loro e diversamente giustapposte, con gli attuattori finali che potranno interpretare ulteriormente il tema di base, apportando altra diversità e ricchezza percettiva all’insieme. Ne deriverà un’immagine urbana fortemente caratterizzata ed allo stesso tempo eterogenea, con un’idea guida assai precisa ma mutabile nel tempo.

 

Ricostruire sull'Isola del BuonCastello induce a riconsiderare il rapporto visivo, oramai consolidato da tempo, tra l'abitato di Sottomarina, il suo affaccio e lo specchio d'acqua del Lusenzo, con la vista di Chioggia sullo sfondo. E' proprio questa trasparenza “profonda”, la dominanza della linea dell'orizzonte come valore paesaggistico assoluto, che devono essere considerati come elementi fondanti la proposta progettuale. Per questo si dovrebbe ridurre all'indispensabile l'appoggio a terra di edifici e le intense piantumazioni, per preservare la permeabilità visiva e risparmiare il suolo. Nasce così l'esigenza di creare un “suolo artificiale”, sollevato da terra, per poterci costruire liberamente senza interferire con la linea dell'orizzonte. Non solo, su questa superficie in lievitazione è anche possibile immaginare di costruire sulla parte inferiore, “appendendo” altrettanti edifici, con una concezione capovolta, senza toccare terra. Si viene pertanto a istituire la possibilità di dare corpo fisico alla riflessione delle architetture, in pratica immaginando di avere un secondo orizzonte, rialzato rispetto a quello reale, una linea parallela dotata di un sopra e un sotto, edifici appoggiati e edifici riflessi.....un doppio orizzonte in pratica, un riflesso dell'orizzonte reale, quasi un “miraggio”.
La piazza, nell'angolo che fronteggia Sottomarina, in diretta relazione con i moli e le tre darsene, si accede direttamente alla Palestra, alla Piscina, al Bar e al Centro informazione, chiudendola solo parzialmente con volumi trasparenti.

Sottomarina, Chioggia, Progetto per l'Isola del Buon Castello
Sottomarina, Chioggia, Progetto per l'Isola del Buon Castello
Sottomarina, Chioggia, Progetto per l'Isola del Buon Castello
Sottomarina, Chioggia, Progetto per l'Isola del Buon Castello
bottom of page